Beni culturali

Monumenti e Beni Culturali Locali

Ex-Chiese di S. Rosalia, S. Maria del Buon Riposo e S. Giuseppe a Pozzo di Gotto


Queste tre chiesette si trovano, a Pozzo di Gotto, nel quartiere che anticamente era chiamato Buon Riposo. L’ex-Cappella di S. Rosalia si trovava in via Garibaldi. Adesso è adibita a civile abitazione e non rimane traccia del suo prospetto in quanto fu completamente ristrutturata. Sempre sulla stessa via, a pochi passi da essa, si trova la cappella di S. Maria del Buon Riposo, meglio conosciuta come S. Maria Assunta; essa appartenne alla nobile famiglia Donato di Migliardo. Adesso è adibita a bottega artigianale, ma che fosse in origine un edificio di culto lo si riconosce dal prospetto esterno. All’interno di essa è visibile la nicchia dove era posta una statua della Madonna, andata perduta. La chiesetta di S. Giuseppe fu fondata dal Primo Abbate S.J.D. di Protonotaro Don Giuseppe Crisafulli, primo Arcipresbitero, Rettore e Parroco della Città di Pozzo di Gotto, nel 1730. Nella sagrestia del Duomo di S. Maria Assunta è stato ritrovato un documento manoscritto, dedicato agli Oratori Pubblici in città, nel quale alla pag. 71 viene testualmente specificato quanto segue: “Primus Abbas J.D. ex Prothon Op. D. Joseph Crisafulli Primus Arcipretis Civitatis Putei de Gotho. Obit Undecimo 8 bris1738” (Il Primo Abbate J.D. da Protonotaro don Giuseppe Crisafulli che fu Arciprete della Città di Pozzo di Gotto. Morì l’11 ottobre 1738). La chiesetta di S. Giuseppe si trova sulla via Garibaldi al n. 442, quasi di fronte a quella di S. Rosalia. Il suo interno è in pessimo stato ed è in completo abbandono, dopo il crollo del tetto. La facciata di questa piccola chiesa è caratterizzata da un portalino in pietra sul cui architrave è ancora leggibile la parola latina “Joseph”. Il portalino è sormontato da una finestra con cornice in pietra arenaria e da una inferriata.